Legname bellunese tra Cina e mercato globale

I compratori cinesi si sono resi protagonisti di due vendite in Veneto nel corso del 2019: in Nevegal si sono aggiudicati 17.500 m3 di legname e in comune di Rocca Pietore 30.000 m3 di legname.

Le vicine ditte boschive e segherie di Austria e Slovenia, principali partner e punti di riferimento per il mercato del nord-est, sono state molto attive acquisendo quantitativi considerevoli del legname schiantato.

L’Austria si è mantenuta il canale preferenziale, a cui, dal 2018 in poi, si è andata ad affiancare la Cina.

L’esportazione di legname proveniente dal Veneto e dal Friuli-Venezia Giulia verso segherie austriache, successivamente importato in Italia come segato ha fortemente colpito l’attenzione dei media.

Torna a “LA FERITA DI VAIA”