Dove è finito il legname di Vaia?

Se la nostra capacità di esportazione all’estero di legname è cresciuta ma non in maniera significativa, ci si potrebbe legittimamente chiedere: dove è finito il legname di Vaia?

Una risposta logica e parzialmente confermata da indagini sul campo è che una buona quantità del materiale sia stata impiegata per imballaggi e per produrre cippato.

Una parte di questo legname inoltre è stato venduto ma non esboscato, anche a causa delle difficoltà vissute fino all’autunno del 2020 nel mercato del legname.

La disponibilità immediata di un quantitativo straordinario di materiale legnoso sul mercato locale, così come su quello del centro-Europa, il rallentamento dell’economia alla fine del 2018 e la crisi economica legata al lockdown per il Covid-19 hanno provocato una drastica caduta dei prezzi del legname.

Torna a “LA FERITA DI VAIA”